Nel cuore della Toscana, un mondo ancora a misura d'uomo... il Chianti


Con i suoi eloquenti silenzi, il Chianti, cuore della Toscana, racconta la storia di una terra antica.

 

Lo testimoniano le sue pievi, gli isolati casali, i misteriosi castelli, segni di un passato lontano, che si rinnova nel presente attraverso le tradizioni... in un mondo ancora a misura d'uomo.


I colli del Chianti si estendono fra la provincia del capoluogo toscano e quella di Siena, a ponente del corso dell'Arno e dell'autostrada per Roma e a levante degli storici centri di Ceretaldo, San Gimignano, Poggibonsi, Colle Val d'Elsa.


Ancora oggi lungo queste strade si incontra tutto un fiorire di botteghe artigiane, piccoli laboratori e negozietti.

 

Greve in Chianti va nota per i ricami e i merletti a tombolo.

 

Vi sono inoltre numerosi coltivazioni di giaggioli, gli iris toscani, da cui si ricava la polvere profumata detta "ireos".

 

A Castellina si fanno terrecotte e ceramiche, così come a Colle Val d'Elsa, che merita una deviazione: splendidi quadri, ciotoloni, oggetti per cucina.

 

La località, già conosciuta per la produzione di carta e per la stampa, eccelle anche nella lavorazione del vetro.

 

A Poggibonsi possiamo trovare oggetti in ferro battuto, fra cui lampadari.


Presso San Casciano, a Sant'Andrea in Percussina, l'Albergaccio del Machiavelli ha visto nascere il testo de "Il Principe".


Le tante pievi e chiesette (Santa Cecilia, Santa Maria, San Pancrazio, San Giovanni in Sugana, la Chiesa della Misericordia a San Casciano) coprono con le date della loro fondazioni, l'intero arco temporale dal romanico al gotico nella penisola.


Castellina in Chianti mostra una Rocca costruita fra il Tre e Quattrocento. Gaiole in Chianti ripete con le proprie frazioni, lo spettacolo delle pieve medievali: San Lorenzo in Coltibuono, San Paolo, San Pietro in Venano, Santa Maria a Spaltenna fondata nel 1298 d.c., un secolo prima della più antica testimonianza storica trovata a proposito del vino di queste terre: il Chianti, uno dei più conosciuti al mondo.


A Radda in Chianti, meritano una una visita  la statua a Giovanni da Verrazzano, che qui è nato, e la casa, in Montefioralle, di Amerigo Vespucci.


Un itinerario di poche decine di chilometri tutto da scoprire.



Scrivi commento

Commenti: 0